Partecipa a Ortona Notizie

Sei già registrato?

Accedi con e-mail e password

LA CAPOLISTA CASTELLANA GROTTE VIOLA IL PALASPORT ORTONESE E SI CONFERMA SQUADRA DI RANGO.L'IMPAVIDA ESCE TRA GLI APPLAUSI.

Nulla da fare per la Sieco.Perde con il punteggio di 3 a 1. Aspetta il recupero totale degli infortunati.Domenica gioca ad Aversa.

Condividi su:

 

Nulla da fare per la SIECO IMPAVIDA contro la capolista CASTELLANA GROTTE. La legge del più forte si conferma anche al palasport ortonese. Il punteggio pieno dei castellani, con un solo set perso in 5 gare, è un dato incontrovertibile che in un certo senso affievolisce e rende meno amara la sconfitta degli uomini di Nunzio Lanci.

 

L'Impavida, con i suoi 5 punti in graduatoria, aspetta il pieno recupero delle pedine fondamentali del sestetto titolare ovvero del centrale Mirko Miscione e dello schiacciatore Janis Peda. Il loro contributo rappresenta la linfa di tutta la compagine.

Il film della gara.

Parte male la Sieco che non riesce a giocare alla pari degli avversari fortificati e trascinati dall'esperienza di Roberto Cazzaniga. I troppi errori in ricezione consentono  alla capolista di chiudere sul punteggio di 17 a 25.

L'Impavida cerca la reazione d'orgoglio nel secondo round ma è costretta sempre a rincorrere il risultato. Sbaglia parecchio anche Peda e finisce sul 20 a 25.

Il terzo set si gioca sempre sul fil di lana, la Sieco c'è e chiude sul 30 a 28. Risultano decisive le due battute realizzate dal capitano Andrea Lanci.

E' soltanto un raggio di luce che si affievolisce con il passare dei minuti. La capolista sale in cattedra e chiude la partita con il punteggio di 16 a 25.

La superiorità tecnica del Castellana Grotte non sminuisce il valore della squadra ortonese che adesso può giocarsela con le antagoniste di pari livello.

Domenica prossima l'Impavida affronta la trasferta di Aversa, avversaria di tutto rispetto con ben 9 punti in classifica. Soltanto una grande prova di carattere può riportare entusiamo nelle fila di Michele Simoni e soci.

Condividi su:

Seguici su Facebook