Rimani sempre aggiornato sulle notizie di ortonanotizie.net
Diventa nostro Fan su Facebook!
Spazio Aperto è uno spazio offerto alla città, alle associazioni, agli enti, a quanti intendono partecipare alla vita sociale e culturale del territorio. Scopri di più.

IL REPARTO GERIATRIA DI ORTONA DEVE CHIUDERE DI NUOVO

IL DIRETTORE GENERALE ASL CHIETI THOMAS SCHAEL DELIBERA LO SPOSTAMENTO DI MEDICI DA ORTONA A CHIETI CAUSA COVID.

| di Amerigo Gizzi
| Categoria: Politica commenti ed opinioni | Articolo pubblicato in Spazio Aperto
STAMPA

Il COVID torna a farsi minaccioso ed oltre ad incutere di per se molto timore fa danni anche alle altre patologie perché sconvolge interi reparti che devono essere riconvertiti causa pandemia.

Certamente anche questa volta ci siamo fatti trovare impreparati e se prima c’era la giustificazione per essere stati presi all’improvviso ora questa scusa cade miseramente perché tutti aspettavano la famosa seconda ondata , con le tante task force a disposizione , tecnici di infrastrutture sanitarie e grandi epidemiologici e virologi di cui prima non ne avevamo nessuna evidenza , sembrava che davvero era facile pianificare il tutto per l’eventuale recrudescenza dell’epidemia e noi per questo eravamo fiduciosi che anche se il “ demonio “ fosse tornato avremmo avuto già la spada sguainata ed invece abbiamo il fodero ma non l’arma.

Fortunatamente ci viene in soccorso la consapevolezza , che abbiamo , sulla grande abnegazione dei medici e degli infermieri che sul campo hanno dimostrato di combattere  una vera e propria battaglia con un nemico subdolo e sconosciuto con risultati straordinari viste le poche armi medicinali a disposizione e sia di strutture che a volte sembrava di stare in OSPEDALI DA CAMPO.

Chi doveva provvedere ad implentare reparti Covid ordinari e di terapie intensive ha pensato durante la scorsa  estate a pianificare le proprie vacanze anziché adoperarsi in attesa del ritorno del “ diavolo “ che tutti erano certi sarebbe tornato.

Colgo l’occasione per ringraziare di nuovo tutto il settore sanitario che ha dato anima  e cuore e a volte anche la vita per salvarci ma non posso non sottolineare la pressapochezza e la superficialità di gravità inaudita di chi vive in mezzo alla bambagia con stipendi faraonici ma che in una situazione oggettivamente drammatica non hanno pianificato nulla e ci hanno fatto trovare in una situazione di assoluta debolezza nonostante tutte le evidenze propendevano per un rafforzamento massiccio delle barriere antiCovid. 

L’amara e dura realtà è che tutte le assunzioni  strombazzate di medici ed infermieri e con nessuna carenza di disponibilità di soldi , infatti dicevano che il MES non serviva perché di denari c’erano a iosa , ora siamo a “ carissimo amico “ tanto è vero che per sopperire chiudono reparti come purtroppo quello di Ortona.

Il Direttore Generale della ASL Chieti Thomas Schael ha deliberato di trasferire i medici del Reparto Geriatria di Ortona e quindi conseguentemente la naturale chiusure dello stesso ai reparti Covid dell’Ospedale di Chieti. Ha inoltre stabilito che unità operative di medicina del livello 7 e 11 di Chieti siano riconvertite in reparti Covid , ha aggiunto poi che la RSA di Casoli sarà riconvertita per ospitare infetti Covid e il PTA di Gissi  per ospitare cittadini positivi che non possono fare quarantena al proprio domicilio.

La medicina territoriale che si doveva implementare e che era diventato un mantra dei nostri Governanti con cui si sciacquavano la bocca è rimasta lettera morta e quindi siamo rimasti col “ .... per terra “ e non solo quello.

Seguiremo l’andamento dell’epidemia con molta apprensione ma la moniteremo senza meno sperando di uscirne e poterlo raccontare ancora.

AMERIGO GIZZI

 

 

 

 

 

 

Amerigo Gizzi

Contatti

redazione@ortonanotizie.net
mob. 333.6506972
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK