Rimani sempre aggiornato sulle notizie di ortonanotizie.net
Diventa nostro Fan su Facebook!
Spazio Aperto è uno spazio offerto alla città, alle associazioni, agli enti, a quanti intendono partecipare alla vita sociale e culturale del territorio. Scopri di più.

OLTRE AL DANNO, LA BEFFA: LA ZONA DI CALDARI ESCLUSA DAI BENEFICI GOVERNATIVI PER LE “ZONE ROSSE”COVID 19.

| Categoria: dai lettori: lettere, commenti ed opinioni | Articolo pubblicato in Spazio Aperto
STAMPA

Come è noto il Governo,all’art.112 dell’ultimo decreto Rilancio, ha previsto uno stanziamento finanziario di 200 milioni di euro per i Comuni che, a seguito del Covid 19, hanno vissuto la difficile e drammatica condizione della Zona Rossa.

Per ciò che riguarda l’Abruzzo i comuni interessati, per i quali è stato decretato, dalla Regione, la condizione di “zona rossa” dovrebbero essere: Bisenti, Arsita, Montefino, Elice, Castiglione Messer Raimondo, Castilenti, Picciano, Civitella Casanova, Farindola, Montebello di Bertona, Penne e Caldari di Ortona. Però la norma prevede che i Comuni per poter accedere ai finanziamenti, previsti dal Decreto, devono aver avuto la condizione di “sorvegliati speciali”per almeno 30 giorni.

Ebbene, questo requisito indispensabile riduce a soli 6 comuni abruzzesi quelli che potranno beneficiare dei fondi previsti. Mentre saranno “tagliati”fuori i comuni di Picciano, Civitella Casanova, Farindola, Montebello di Bertona, Penne e Caldari di Ortona. Molte comunità e territori sono stati esclusi per pochissimi giorni.

Ovviamente è una situazione che non si può assolutamente accettare, perché contro ogni buona logica e danneggia pesantemente territori come, Ortona e Caldari, particolarmente colpiti dalla pandemia Covid 19 e che hanno estremo bisogno di interventi economici di sostegno da parte dello Stato.

I sindaci dell’area vestina del Pescarese ed il Consigliere Regionale Guerino Testa hanno denunciato quanto accaduto parlando di “ingiustizia”e di “decisione priva di ogni logica” chiedendo un intervento correttivo allo stesso Presidente del Consiglio Conte.

Correzione più che mai necessaria,che potrà avvenire in sede di conversione parlamentare del Decreto Rilancio

.Di qui l’appello ai parlamentari abruzzesi, in particolare a quelli della maggioranza governativa, di PD, Movimento Cinque Stelle ed Italia Viva affinché presentino, al più presto, un emendamento correttivo all’art.112.

Intanto, però, se anche il Comune di Ortona si unisse al coro di protesta delle altre amministrazioni comunali interessate sarebbe un fatto estremamente positivo. Non possiamo pretendere che siano gli altri a difendere le nostre buone ragioni.

 

Nicola Primavera

Contatti

redazione@ortonanotizie.net
mob. 333.6506972
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK