Partecipa a Ortona Notizie

Sei già registrato?

Accedi con e-mail e password

Tollo: Scintille anche con il gruppo di minoranza Idea Comune con il sindaco diTollo Angelo Radica

Condividi su:

Tollo: Nella seduta del 28 luglio 2017 il Consiglio era altresì chiamato a deliberare, come da Ordine del giorno, in merito all'assestamento e alla salvaguardia degli equilibri di bilancio 2017, ai sensi del D. Lgs.267/2000. Il tema rivestiva grande importanza, attenendo alla corretta gestione finanziaria dell'Ente. Ma come sta accadendo ultimamente nel consiglio comunale di Tollo il gruppo di minoranza Idea Comune abbandona l'aula. I gruppi consiliari avrebbero, secondo Regolamento del Consiglio Comunale e precisamente a norma dell'art. 21, dovuto ricevere tutta la documentazione utile a formarsi un adeguato convincimento sul voto da esprimere, non oltre le 48 ore precedenti l'apertura dell'adunanza. Nello specifico, dichiarano, attendevano di ricevere in consegna o quanto meno di trovare a loro disposizione per poterla esaminare compiutamente sia lo schema di delibera su cui erano chiamati a votare, sia i relativi pareri, l'uno a firma dei revisori e l'altro del responsabile dell'ufficio finanziario. Ciò non e' avvenuto, continuano, giacche' la nostra richiesta di ricevere in consegna la detta documentazione e' stata evasa solo la mattina del 27 luglio. Il giorno precedente, 26 luglio, la documentazione non era ancora disponibile, neppure per la semplice disamina. Ce lo ha attestato lo stesso impiegato addetto, su espressa istanza, con dichiarazione resa nella immediatezza della consegna avvenuta il 27 luglio 2017, che pubblichiamo. L'importanza del tema in discussione e la mancata informativa documentale che legittimamente attendevano di ricevere nei termini previsti dal regolamento ha indotto il gruppo a sollevare la questione in Consiglio e a chiedere pertanto il rinvio ad altra seduta della discussione e del voto sul relativo punto all'ordine del giorno. Cosi' vuole la norma.
Pur a fronte di una così chiara inosservanza dei termini garantiti dall'art.21 del Regolamento Comunale ed in presenza di formale attestazione scritta che la comprova, la maggioranza, dichiara il gruppo consiliare, ha ritenuto tuttavia di respingere la richiesta di rinvio. Evidentemente il sindaco Angelo Radica e i consiglieri che lo sostengono hanno ritenuto che il tema potesse essere deliberato alla cieca, anche senza leggere le carte e soprattutto che il contributo che il gruppo di minoranza Idc avrebbe potuto portare alla discussione sarebbe stato del tutto superfluo. Come superfluo avranno pensato che fosse il rispetto dei diritti della minoranza e l'osservanza del vigente Regolamento. La maggioranza ha quindi deliberato in piena autonomia in materia di assestamento e salvaguardia degli  equilibri di bilancio per il 2017, decidendo svariati e consistenti aumenti di tariffe e costi per i contribuenti al fine di coprire il disavanzo di quasi 68000€ evidenziato dal rendiconto di bilancio relativo all'anno 2016.
Ora ci appare chiaro, concludono, perche' non gradivano che partecipassimo alla discussione dopo avere avuto tutto il tempo necessario ad approfondire la relativa documentazione: un rinvio sarebbe stato alquanto 'scomodo', avrebbero dovuto rispondere a troppe domande e avrebbero dovuto fornire troppi chiarimenti.
Domande che tuttavia faremo, come chiederemo chiarimenti. Chiederemo, dichiara IdV, anche alle autorità preposte di pronunciarsi sulla legittimità della condotta tenuta dagli organi consiliari, sul mancato rispetto dei diritti della minoranza e sulla validità delle delibere assunte. Ce lo impone il ruolo di garanti del rispetto delle regole, in una circostanza in cui riteniamo che tale rispetto sia palesemente venuto meno.

Condividi su:

Seguici su Facebook