Rimani sempre aggiornato sulle notizie di ortonanotizie.net
Diventa nostro Fan su Facebook!

ORTONA NORD: " POCHE LUCI E MOLTE OMBRE "

Le Associazioni TorreForo e PostilliForo illustrano le criticità della zona nord del territorio ortonese e incontrano il Presidente del Consiglio Comunale, dott.sa S.Rabottini ed il ViceSindaco dott. V.Polidori

| Categoria: Attualità
STAMPA

Fotogallery: clicca sulle immagini per ingrandirle

printpreview

 

Le Associazioni TorreForo e PostilliForo, lo scorso aprile, hanno inviato all’Amministrazione del Comune di Ortona (CH) un resoconto dettagliato elencando le criticità che da tempo interessano la zona nord del territorio di Ortona

(clicca sulla foto per visualizzare il resoconto)

successivamente sono state invitate a Palazzo di Città ed  24 giugno hanno avuto un confronto con la Presidente del Consiglio Comunale, dott.sa S.Rabottini e con il ViceSindaco dott. V.Polidori.

Tanti i temi affrontati nel corso dell’incontro, con diversi giudizi sugli esiti.

Le due associazioni giudicano rassicuranti solo le risposte avute in merito alla “Toponomastica/Numeri Civici”, al “luogo di aggregazione” per il quale è stato trovato un terreno in contrada Lazzaretto, e la “linea metanifera” per la quale “ è stato redatto il progetto di prosecuzione verso nord e forse anche verso sud rispetto alla Stazione di Tollo. (che forse si dovrebbe realizzare nel 2021, leggendo il Programma Triennale delle Opere Pubbliche 2021-23)2."

Mentre giudicano “ Cattive, se non pessime" , le notizie avute in merito vari altri altri punti.

Al primo posto delle brutte notizie la strada “Postilli-Foro” (ex Postilli-Riccio) “ che al momento della progettazione nel 2003 era evidenziata come “NODO STRATEGICO INFRASTRUTTURALE”,  ma che poi fu inaugurata nel 2013 senza parcheggi, marciapiedi ed illuminazione. Costò 8 milioni di euro con fondi CIPE e comunali. - precisano le associazioni - dopo otto anni in cui, per scelte politiche, non è stato fatto alcun intervento sostanziale, l’Amministrazione ipotizza un’eventuale soluzione, quando verrà realizzata la tanto decantata pista ciclo-pedonale che in questo tratto non è nemmeno in fase progettuale poiché – sottolineano - si è data priorità solo al tratto che collega Ortona al Lido Riccio, tratto pieno di gallerie che creano non pochi problemi come era facile prevedere. Novità dell’ultim’ora: sarà la Regione Marche a gestire, anche in Abruzzo, i tratti mancanti della pista ciclo-pedonale utilizzando fondi del PNRR (piano nazionale resistenza e resilienza)." 

Per “il caos parcheggi lungo la litoranea  -sottolineano le associzioni della zona nord di Ortona -  l’Amministrazione e il Comandante Feragalli l’hanno fatta diventare a senso unico; soluzione, - già sperimentata nel 2015, - e ribadiscono - che aveva sollevato non poche perplessità dei residenti che si adoperarono per una corposa raccolta firme perché contrari al cambiamento”

Riconoscono, giustamente, “ che sono stati creati 150 posti auto – sia utilizzando la corsia (della litoranea) lato mare e sia grazie ad alcuni terreni, adiacenti alla litoranea, concessi gratuitamente dai proprietari per senso civico.” ma puntualizzano che sono in “ numero ancora carente”.

 

Altro grave problema sottolineato è “ il degrado imperante “ lungo la Postilli-Foro e non solo. “ Nonostante le continue segnalazioni – le associazioni rilevano che “ è ormai una consolidata abitudine l’abbandono di rifiuti di ogni genere (compreso lo sfalcio di ramaglie ed erbacce) sui marciapiedi già inagibili di per sé, nelle piazzole, nelle “assurde” cunette e anche lungo la statale. “ Sarebbe interessante conoscere “ quante contravvenzioni (unico deterrente), per abbandono rifiuti, siano state fatte sino ad oggi. “ ed auspicano “ un cambio di rotta per cercare di eliminare questa piaga. “

Lamentano inoltre “ manca la calendarizzazione della pulizia delle strade da parte di Ecolan, come peraltro prevista dalla proposta esecutiva “

Per i sottopassi, “ benchè opere idrauliche di proprietà di RFI , che sono utilizzati da sempre da residenti e turisti, “sono in uno stato pietoso;

idem alcuni accessi al mare “.e aggiungono anche alla lista la vecchia scuola, sita dietro la stazione di Tollo,

che “ sembra reduce da un bombardamento. -E’ stata suggerita l’idea di trasformarla in “ostello per i cicloturisti” o in “museo del mare” come a TorreCerrano,- ricordano - tutto in prospettiva della ciclopedonale e della SIC tra Foro e Arielli per poter usufruire dei fondi di Life Calliope.”

Riguardo al capitolo sicurezza segnalano  che la statale, gestita dall’ANAS, è carente di strisce pedonali specialmente in prossimità delle fermate degli autobus, dove sono presenti profondi crateri.”

La litoranea, a partire da Postilli, è sempre più usata , per evitare i rallentamenti sulla statale ed “ il limite dei 30km/h è puntualmente ignorato “ . A Postilli, auto e moto sfrecciano impunemente nel tratto di strada denso di abitazioni. “ A riguardo segnalano le due associazioni “ il Comandante Feragalli, presentandosi successivamente alla riunione, ha ipotizzato il rialzamento dei tratti zebrati: soluzione ottimale quando non presente l’autovelox. “ e riconoscono positivamente che “ il Comandante si è già attivato per regolarizzare i parcheggi della strada chiusa all' altezza della vecchia scuola e per il posizionamento di dissuasori sui marciapiedi del sottopasso.

Per la mancata pulizia, da parte di Ecolan delle bocche di lupo, quasi tutte invase da erbacce cresciute nel tempo, segnalano che “ determina la permanenza di vistose pozzanghere; la rottura o la mancanza della copertura di molti pozzetti situati lungo i marciapiedi potrebbe causare incidenti alle persone.

A Postilli, la strada “Postilli-Pascucci” ricordano “ è regolarmente allagata perché manca di tombini ed il fondo stradale è totalmente dissestato.

Per la spiaggia a sud del fiume Foro, sempre più frequentata per le sue caratteristiche naturali e che comprende la “spiaggia delle dune”, attualmente “ è carente di indicazioni a carattere turistico presenti invece in altre località ortonesi,- ma notano “ sembra che a riguardo si stiano organizzando pe posizionare un paio di cartelli”

Per la spiaggia di Postilli, chiedono l’uso di “rastrelli leggeri” per la pulizia che “ non rimuovano la sabbia né appiattiscano i detriti sotto la sabbia, come accade tutt’oggi “.

In conclusione le Associazioni TorreForo e PostilliForo , dopo aver dettagliato le  problematiche, dato atto di alcune soluzioni e fatto proposte per le soluzioni non mancano di sottolienare “ sono anni che la zona nord attende più considerazione da parte delle varie Amministrazioni, “ e pur riconoscendo che “ la speranza è l’ultima a morire “ ricordano e avvisano “ ma non si può sempre e solo sperare”.

da s.c.

 

 

 

Documenti (1)

Contatti

redazione@ortonanotizie.net
mob. 333.6506972
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK