Rimani sempre aggiornato sulle notizie di ortonanotizie.net
Diventa nostro Fan su Facebook!
Spazio Aperto è uno spazio offerto alla città, alle associazioni, agli enti, a quanti intendono partecipare alla vita sociale e culturale del territorio. Scopri di più.

Il caso ECOLAN

LA BELLA VITA DI ECOLAN AD ORTONA GRAZIE A SINDACO E ASSESSORI

| di PEPPINO POLIDORI CONSIGLIERE COMUNALE ORTONA
| Categoria: Attualità | Articolo pubblicato in Spazio Aperto
STAMPA

Fotogallery: clicca sulle immagini per ingrandirle

printpreview

La società di Lanciano prende 3 milioni e mezzo euro l’anno per pulire Ortona ma le carenze sono così vistose che solo sindaco e i suoi assessori fanno finta di non vedere. A pagare infatti sono gli Ortonesi che vedono costi e disservizi aumentare. La Ecolan durante la pandemia ha avuto dal Comune addirittura un beneficio economico superiore mentre come è noto per buona parte del 2020 non c’è stato il ritiro della spazzatura perché non prodotta dalle attività produttive rimaste a lungo chiuse come bar, ristoranti e tutte le attività pubbliche e ricreative. Loro dicono per la pandemia ma è certo, invece, il contrario ossia che c’è stata molto meno spazzatura.

TARI:

Sulla Tassa sui rifiuti Sindaco e assessori si fanno i belli con i soldi che lo Stato ha dato ai Comuni per ridurre il peso della TARI. Ma mentre nelle città limitrofe c’è stato un azzeramento per tutte le attività produttive e una riduzione significativa per le famiglie ad Ortona il Comune ha usato solo i fondi dello Stato, senza fare un benché minimo sforzo sul bilancio per tagliare sprechi e spese inutili. Risultato che finita la baldoria estiva tanto cara a Castiglione, gli Ortonesi saranno esposti a rincari e pagamenti pesantissimi di molte bollette.

SILENZI E BUGIE

Infine le bugie e i silenzi di Castiglione e assessori. Lo scorso anno sempre su Ecolan sollecitai risposte scritte e chiare con una INTERROGAZIONE- che come al solito allego per quanti vogliono capire cosa nasconde il Comune - Per non farla tanto lunga, le cosiddette “foto-trappola” per acciuffare quei incivili che buttano la spazzatura lungo le vie.

Nel conteggio della TARI non vi è traccia degli importi per le sanzioni per rifiuti abbandonati e discariche abusive.

L’amministrazione aveva annunciato per bocca di diversi esponenti: controlli severi, foto-trappole e sanzioni. Allora vediamo, le apparecchiature per foto-trappole sono state acquistate o noleggiate? Con costi a carico di chi? Sono mai entrate in funzione? con quali esiti?

Sono mai stati individuati ed incaricati i soggetti abilitati a svolgere le verifiche e a comminare sanzioni per abbandono dei rifiuti? Quanti sono? Quali risultati hanno prodotto?

Quante sanzioni sono state comminate dal 2017 ad oggi? Per quali importi? Quante sono state effettivamente riscosse? perché non vi è traccio nel calcolo della TARI. Risposte negate anche all’ultimo Consiglio Comunale.

Così i cittadini pagano 3 milioni e mezzo di euro senza sapere per quali servizi e soprattutto, se sono state rispettate o meno le norme contrattuali.

La mia interrogazione del 2 ottobre 2020 è rimasta senza risposta sia per queste che per altre domande. I silenzi sono un danno enorme per tutti i cittadini perbene.

 

PEPPINO POLIDORI CONSIGLIERE COMUNALE ORTONA

 

PEPPINO POLIDORI CONSIGLIERE COMUNALE ORTONA

Contatti

redazione@ortonanotizie.net
mob. 333.6506972
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK