Rimani sempre aggiornato sulle notizie di ortonanotizie.net
Diventa nostro Fan su Facebook!
Spazio Aperto è uno spazio offerto alla città, alle associazioni, agli enti, a quanti intendono partecipare alla vita sociale e culturale del territorio. Scopri di più.

ALLA STRETTA FINALE LA TRATTATIVA SUL FUTURO DEI LAVORATORI DELLA YOKOHAMA.

Una riunione che potrebbe, davvero,sancire la svolta positiva di questa vertenza che ha visto i lavoratori protagonisti di una lotta davvero epica! E che, alla fine, “ha pagato”!

| di Nicola Primavera
| Categoria: Attualità | Articolo pubblicato in Spazio Aperto
STAMPA

Ennesima riunione ieri mattina presso la sede di Confindustria a Pescara, per la vertenza Yokohama, nell’ambito della procedura di raffreddamento prevista per i licenziamenti collettivi, tra le OO.SS. CGIL, CISL,UIL,Unione degli Industriali Chieti- Pescara, i rappresentanti della multinazionale giapponese.

Oggetto del confronto era entrare nel merito delle proposte vincolanti presentate dalle due aziende, rimaste sul campo, al fine di rilevare lo stabilimento di Contrada Tamarete. Si tratta di due multinazionali: la IMM Hidraulics S.p.A. che ha una unità produttiva in Val di Sangro, ad Atessa, il cui core business è la produzione e la distribuzione di tubi e sistemi di connessione oleodinamica, nonché attrezzature per l’assemblaggio, il test ed il collaudo dei medesimi, occupa 500 persone in tutto il mondo e la Alfa Gomma presente con una fabbrica a Castelnuovo Vomano, in provincia di Teramo che produce e distribuisce in tutto il mondo una gamma completa di tubi idraulici, industriali, rigidi e assemblati, raccordi, adattatori ed innesti rapidi, conta 3915 persone occupate in tutto il mondo.

Si tratta, come si può anche sommariamente rilevare,di due realtà economiche ed imprenditoriali, solide e consolidate, presenti nella nostra realtà regionale da molto tempo e che danno garanzie di credibilità dei loro progetti industriali.

La differenza, tra di loro, e non è di poco conto, è sulla forza lavoro della Yokohama da riassorbire nel nuovo progetto industriale. La IMM Hidraulics è disponibile a rioccupare circa una trentina di lavoratori in due step da 15 unità nel biennio 2021-2022. L’Alfa Gomma, dal canto suo, si propone di occupare 80 persone nella filiera gomma e plastica e 60 unità nella produzione di veicoli elettrici; con la possibilità di far iniziare, da subito, la formazione ad una quindicina di lavoratori nello stabilimento di Castelnuovo Vomano.

Le organizzazioni sindacali non hanno dichiarato la loro preferenza; anzi hanno rimarcato l’estrema importanza dell’impegno dei due gruppi industriali, nel presentare valide proposte, stante l’attuale momento di crisi economica e sociale che si vive, a livello nazionale ed internazionale. Ma nella assemblea con i lavoratori che si è avuta, dopo l’incontro è emersa, con tutta evidenza, una preferenza per il progetto industriale della Alfa Gomma, perchè significherebbe chiudere questa vertenza, molto difficile ed impegnativa, con un rilevante saldo occupazionale positivo.

Cosa su cui in pochi scommettevano, quando questa vertenza ha avuto inizio, a fine dello scorso mese di luglio.

Ed è questa l’indicazione che verrà portata nella nuova riunione, già fissata per martedì 10 novembre ed a cui parteciperanno anche le istituzioni, come Comune e Regione, con il coinvolgimento dello stesso MIT,tramite la sottosegretaria Todde, in call conference.

Una riunione che potrebbe, davvero,sancire la svolta positiva di questa vertenza che ha visto i lavoratori protagonisti di una lotta davvero epica! E che, alla fine, “ha pagato”!

Nicola Primavera

Contatti

redazione@ortonanotizie.net
mob. 333.6506972
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK