Partecipa a Ortona Notizie

Sei già registrato?

Accedi con e-mail e password

LE STRADE DELLA MORTE A DUE PASSI DAL CENTRO CITTÀ

I rimedi sono molteplici: dissuasori di velocità, semafori con telecamere, sistemi di controllo della velocità

Condividi su:

Il 16 Dicembre 2016 è morta Ciagghi, un bellissimo esemplare di pastore abruzzese che abitava in Contrada Ruscitti (Ortona), presso la famiglia D'Eusanio. Sua sorella Pop grava invece in condizioni disperate, dopo aver subito lo spappolamento della milza e traumi vari.

La causa di questo autentico massacro è stata un investimento, da parte di un veicolo che sfrecciava a velocità elevata sulla strada prospiciente l'abitazione.

Entrambi i cani si trovavano sul ciglio della strada, davanti al cancello che conduce all'abitazione, e salutavano, come ogni mattina, i loro piccoli padroncini che si dirigevano a scuola, accompagnati dal loro papà. Questo significa che appena un attimo prima del violento impatto erano i due bambini a trovarsi sul ciglio della strada, per salire a bordo dell'autovettura che li avrebbe condotti a scuola.

L'automezzo responsabile dell'investimento, dopo essersi allontanato dal luogo del delitto, è tornato indietro per constatare i danni, come osservano i testimoni oculari. L'impatto deve essere stato violentissimo, perché un fanale dell'auto è stato ritrovato a circa 30 metri dal corpo esanime di Ciagghi.

Tutti noi sappiamo che i nostri amici animali, che condividono la vita con noi umani, sono in tutto e per tutto membri delle nostre famiglie. Tutti noi sappiamo altresì che la perdita dei nostri piccoli amici è tanto grave quanto la perdita di un nostro caro. Tuttavia io scrivo non per esaltare gli animi degli animalisti, ma per condurre ad una riflessione molto più ampia.

Un incidente è un incidente e come tale implica una buona dose di fatalità. Sicuramente la conducente responsabile non lo ha prodotto intenzionalmente. Tuttavia esistono delle regole che tutti i conducenti di autovetture sono obbligati a seguire, e tra queste c'è il rispetto dei limiti di velocità, soprattutto in prossimità dei nuclei abitati.

Il fatto è avvenuto in Contrada Ruscitti, un gruppo di case disposte lungo la strada che, dalla Chiesa di Cristo Re, conduce a Contrada Colombo. Lungo la strada non esistono marciapiedi e la strada di per sé è piuttosto stretta, anche in prossimità delle case. Il limite di velocità lungo questa strada pertanto, è 50 km orari. La velocità di 50 km orari consentirebbe ad un veicolo di effettuare una frenata improvvisa senza averne conseguenze; così come consente di vedere per tempo eventuali ostacoli posti sulla carreggiata.

Gli abitanti di Contrada Ruscitti da molto tempo osservano veicoli che 'sfrecciano a tutta velocità' lungo la loro strada, che è ormai da considerarsi una strada di morte, visto il numero elevato di piccoli animali che vi hanno perso la vita negli anni, a causa proprio di incidenti stradali. Essi hanno anche effettuato una raccolta firme, in passato, inviandola agli organi provinciali, al fine di richiedere l'istallazione di dissuasori di velocità, almeno in prossimità del centro abitato. Non hanno mai ottenuto risposta e continuano a vedere gli automezzi sfrecciare e i loro piccoli amici morire.

Facciamo per un attimo una considerazione: stiamo parlando di strade 'di campagna'. Le persone che vivono da queste parti si trovano spesso lungo il ciglio della strada per effettuare operazioni di giardinaggio o lavori agricoli, o di pulizia del vialetto che conduce a casa. Gli animali selvatici, anche quelli di grossa taglia, come i cinghiali, spesso attraversano queste strade. Se un veicolo, lanciato a forte velocità, impattasse un cinghiale, cosa accadrebbe? E se sul ciglio della strada, ad essere falcidiato, fosse un uomo che sta lavorando? O un ciclista di passagio? O un bambino, che corre dietro ad un pallone sfuggito al suo controllo?

Non è pensabile, in un paese civile, attendere la tragedia per poi provvedere ai rimedi. La civiltà passa attraverso le nostre abitudini. E le nostre abitudini devono essere governate dal buon senso, perché siamo esseri umani. Ma se questo non accade, allora siano le istituzioni a provvedere. I rimedi sono molteplici: dissuasori di velocità, semafori con telecamere, sistemi di controllo della velocità. Scegliamo pure i più economici, ma scegliamoli in fretta, prima che gli abitanti di Contrada Ruscitti debbano gridare alla tragedia.

Condividi su:

Seguici su Facebook