Partecipa a Ortona Notizie

Sei già registrato?

Accedi con e-mail e password

Campeggio abusivo in zona Saraceni di Ortona

Riunione alla Capitaneria di Porto per affrontare il problema dei nomadi

Redazione
Condividi su:

La Capitaneria di Porto di Ortona ha promosso una riunione di coordinamento per affrontare l’attività di campeggio irregolarmente condotta nella zona circostante il parcheggio pubblico sito in zona Saraceni, molo Sud del Porto di Ortona. 

Come segnalato dai numerosi cittadini, l’attività irregolare in corso costituisce una serie di criticità in quanto, al termine del periodo di permanenza dei camper/caravan, sul piazzale del parcheggio potrebbero rimanere liquami provenienti dai bagni chimici dei veicoli. Inoltre, potrebbero venire abbandonati cumuli di rifiuti che rimangono depositati sull’intera area. 

Al fine di limitare il paventato fenomeno, la Capitaneria di Porto di Ortona ha convocato una riunione a cui hanno partecipato il Sindaco, dirigenti dell’Ufficio Tecnico e i rappresentanti locali di Carabinieri, Polizia di Stato – Polizia Stradale, Guardia di Finanza e Polizia Municipale

Durante l’incontro sono state proposte ed analizzate delle metodologie di azione più coercitive sia in termini di individuazione dello strumento giuridico più idoneo in termini di deterrenza al verificarsi del fenomeno. Inoltre, sono stati pianificati degli interventi di dissuasione da eseguirsi a cura del Comune di Ortona, volti a realizzare degli apprestamenti che fisicamente impediscano l’accesso al parcheggio pubblico ai camper e caravan

«La riunione è stata un utile momento di confronto tra le varie amministrazioni coinvolte -sottlinea il Comandante della Capitaneria di Porto di Ortona, Nicola Attanasio- con l’obiettivo unico di individuare delle sinergiche metodologie di azione finalizzate a reprimere il fenomeno nell’interesse della collettività. Che, specialmente nei periodi estivi, ha percepito tale problematica e ha richiesto un intervento risolutivo da parte di tutte le amministrazioni coinvolte».

Condividi su:

Seguici su Facebook