Partecipa a Ortona Notizie

Sei già registrato?

Accedi con e-mail e password

Striscione rimosso, Castiglione: «Sindaco avrebbe fatto bene a lasciarlo»

Il consigliere Leo Castiglione: «Assolutamente incomprensibili le motivazioni»

Redazione
Condividi su:

Ieri mattina il Comitato contro la chiusura del Punto Nascite, dopo aver chiesto l'autorizzazione verbale al Sindaco, ha esposto dal balcone del palazzo di Città uno striscione (leggi...in cui si ribadiva la "lotta" a favore del Punto Nascite di Ortona (leggi...)

«Poche ore dopo il manifesto, che in alcun modo si presentava lesivo dell'immagine dell'Istituzione nè offensivo verso personaggi politici, è stato rimosso lasciando la città sgomenta. Credo che il manifesto sul palazzo municipale fosse pienamente in linea con l'azione intrapresa da questa amministrazione di opporsi alla chiusura del reparto con un ricorso al TAR (anche se sollecitata dalla minoranza). Motivo per cui -dichiara il consigliere Leo Castiglione- ritengo assolutamente incomprensibili le motivazioni che hanno portato al suo spostamento. Avrebbe fatto bene invece il Sindaco a lasciarlo per confermare alla città tutta la sua piena convinzione sulla necessità che la Regione cambi i suoi piani e lasci aperto il nostro Punto Nascite (leggi...) viste le condizioni tecniche di sicurezza (leggi... e leggi...). Questo gesto, invece, fa pensare che ancora una volta le pressioni politiche-partitiche abbiano pesato di più sulle decisioni del nostro primo cittadino facendo passare in secondo piano il bene della comunità».

«E al di là del fatto se ci fosse o meno una richiesta ufficiale che, a quanto pare, è stata depositata questa mattina -conclude Castiglione- ritengo che come Sindaco e capo dell'amministrazione d'Ottavio avrebbe potuto benissimo autorizzare e assumersi la responsabilità di esporre quel manifesto. Basti pensare che a Sulmona il Sindaco ha permesso, in totale autonomia, che di fatto il Municipio venisse "occupato" come forma pacifica di protesta. Caro Sindaco a che gioco stai giocando?».

Condividi su:

Seguici su Facebook