Partecipa a Ortona Notizie

Sei già registrato?

Accedi con e-mail e password

L'OSPEDALE DI ORTONA SI METTE SULLO STESSO PIANO DI QUELLI DI GUARDIAGRELE, POPOLI, PENNE ED ALTRE REALTA' MINORI E RICEVE UNA COCENTE SCONFITTA

LA COMMISSIONE PARLAMENTARE BOCCIA GLI EMENDAMENTI SUI PICCOLI OSPEDALI ED INGUAIA ANCHE ORTONA

Condividi su:

Come era prevedibile la linea confusionaria nel voler seguire a ruota altri Sindaci scelta da Castiglione non ha portato nulla di buono per l'Ospedale di Ortona.

La Commissione Parlamentare, infatti, ha bocciato gli emendamenti e quindi anche la possibilita' di rilancio del " Bernabeo ". Dove e' l'errore fatto da Castiglione , che non ha commesso Atessa che come polo Industriale primario , ha portato avanti la sua strategia peculiare con concrete possibilita' di successo ? La scelta sbagliata del nostro Sindaco e' l'aver messo l'Ospedale di Ortona sullo stesso livello di quelli di Guardiagrele, Popoli, Penne e altre realta' minori.

La mia posizione come Consigliere di Minoranza di Forza Italia detta e ridetta in Consiglio Comunale puntava, come Atessa, sulle specifiche caratteristiche del territorio Ortonese: siamo il " quarto polo Vitivinicolo Nazionale " con densita' elevatissima di aree coltivate e purtroppo di incidenti, inoltre abbiamo un Porto di rilievo Nazionale con cantieri e zone logistiche ad alto impatto e rischio. Abbiamo un mega deposito ENI .

L'Ospedale di Ortona ha quindi unna sua specificita' , un suo ruolo, una sua centralita' e per questo non puo' essere smantellato o minimizzato, ne' confuso con le realta' degli altri Ospedali.

Se il nostro Sindaco al posto di accodarsi a proposte altrui senza nessuna analisi, avesse chiesto con lungimiranza il sostegno in Consiglio anche della Minoranza , avrebbe fatta propria anche la mia indicazione , tra l'altro verificata nella sua fattibilita' da esperti tecnici e dell'Agenzia Sanitaria Nazionale ed ora avremmo potuto difendere l'unicita' di Ortona , del suo territorio e del suo Ospedale. 

La conclusione con la mancata approvazione degli emendamenti che volevano, con un sol colpo, tutti gli Ospedali riaperti da Gissi a Sant'Omero, invece e' amara; nel contempo i Cittadini vengono tenuti all'oscuro delle scelte sbagliate del Sindaco e della sua Giunta.

Chissa' perche' nella bacheca delle notizie del Comune non c'e' traccia della bocciatura.

Siamo ancora in tempo! Bisogna seguire la linea indicata dagli esperti della Sanita': valorizzare le peculiarita' dell'Ospedale di Ortona e del suo territorio e poi saper distinguere le proposte di propaganda Politica da quelle tecnicamente accoglibili nell'interesse della collettivita'.

Polidori Peppino   CS

 

 

Condividi su:

Seguici su Facebook