Rimani sempre aggiornato sulle notizie di ortonanotizie.net
Diventa nostro Fan su Facebook!

I dati 2019 dell’Autorità di sistema portuale e della Direzione marittima delle Marche : i dati del porto di Ortona

Una lieve crescita del 2% sul 2018 e continua anche la presenza dei crocieristi

| Categoria: Attualità
STAMPA

Fotogallery: clicca sulle immagini per ingrandirle

printpreview

Mercoledì 22 gennaio,  in  una conferenza stampa tenutasi nella sede Adsp ad Ancona,  sono stati presentati i dati 2019 dell’Autorità di sistema portuale e della Direzione marittima delle Marche .

Sono stati presentanti i dati relativi al porto di Ancona di Pesaro e  di Ortona:

PORTO DI ORTONA

Ammontano a 1.037.662 tonnellate le merci movimentate nel porto di Ortona, scalo a vocazione rinfusiera e general-cargo, con una lieve crescita del 2% sul 2018 quando le merci erano pari a 1.013.352 tonnellate. Del totale delle merci, esprimono dato più che positivo i prodotti petroliferi raffinati sbarcati (+10%). Andamento molto positivo per i cereali sbarcati che hanno superato le 270 mila tonnellate, in aumento del +19% rispetto al 2018.

Continua anche la presenza dei crocieristi, con 971 transiti nel 2019, che arrivano a bordo delle navi Artemis e Arethusa, impegnate nell’itinerario che coinvolge anche il porto di Pesaro.

 

PORTO DI ANCONA

Record storico per il porto di Ancona che registra nel 2019 una positiva dinamica del traffico container, segno di un’efficiente competitività dell’infrastruttura e delle imprese, e una leadership nel settore passeggeri rafforzata dall’andamento del traffico delle crociere.

Brilla al porto di Ancona il dato delle merci nei contenitori, che passa da 1.135.549 tonnellate del 2018 a 1.252.197 tonnellate del 2019, record assoluto dello scalo con una crescita del +10%. Dinamica fortemente positiva per le esportazioni a 711.707 tonnellate (+13%) dopo due anni consecutivi di flessione. Sale l’import che si attesta sulle 540.490 tonnellate (+7%). Segno evidente che lo scalo dorico è un porto al servizio delle imprese marchigiane, abruzzesi e delle regioni limitrofe le quali stanno vivendo una fase di ripresa sui mercati internazionali.

Il numero dei TEUS movimentati (unità di misura dei container) passa dai 159.061 del 2018 ai 176.193 del 2019, con un aumento del +11%. Il traffico TEU 2019 rappresenta il terzo miglior risultato assoluto dello scalo.

Tutto questo è avvenuto con una riduzione del numero toccate delle navi portacontainers che, nel 2019, è stato di 354 (-17% rispetto al 2018 e -23% rispetto al 2016). Segnale dell’aumentata capacità di carico delle navi che, pur di maggiori dimensioni, possono accedere al porto di Ancona grazie alla messa in funzione nel 2015 della banchina 26 con relativi lavori di dragaggio.

Un altro segno di una migliore razionalizzazione della catena logistica e gestione del traffico commerciale da parte degli armatori è la tendenza alla diminuzione della movimentazione di TEUS vuoti che scendono dal 27% dei precedenti periodi al 22% del 2019.

Più che positivi i numeri delle merci solide alla rinfusa e general-cargo che crescono del +27% passando da 305.169 tonnellate del 2018 a 386.948 tonnellate del 2019. Fra le categorie merceologiche trainanti, c’è lo sbarco dell’alluminio per il fabbisogno delle imprese del territorio regionale.

 

In lieve calo il traffico delle autostrade del mare, con il dato delle merci trasportate su nave traghetto che passa da 4.770.397 tonnellate del 2018 a 4.693.531 tonnellate del 2019 (-2%). Il 38% (circa 1,8 milioni di tonnellate) della merce che viaggia su tir e trailer è collettame, cioè merci di vario tipo trasportate insieme. Seguono i prodotti alimentari, bevande e tabacchi (1,12 milioni di tonnellate, il 24% del totale) e i prodotti dell’agricoltura (704 mila tonnellate, il 15% del totale).

Il 78% del traffico merci trasportate su nave traghetto è diretto e/o proviene dai porti greci di Igoumenitsa e Patrasso, il 18% dall’Albania e il 4% dalla Croazia.

Il totale del traffico merci nello scalo dorico è stabile fra il 2018 e il 2019, con un valore passato da 10,8 milioni di tonnellate a 10,7 milioni di tonnellate. Un dato che risente del -4% delle merci liquide, passato da 4.607.454 tonnellate del 2018 a 4.434.506 tonnellate del 2019, con una diminuzione in parte dovuta alla temporanea indisponibilità del pontile utilizzato dalla raffineria Api di Falconara Marittima per l’imbarco dei prodotti petroliferi. Le merci solide (rinfuse + traghetti + containers) ammontano a 6.332.676 tonnellate (+2% rispetto al 2018).

Crescono del 3% i passeggeri, i crocieristi aumentano del +49%

passeggeri transitati nel porto di Ancona sono stati 1.189.441 nel 2019, con una crescita del +3% sul 2018 quando erano 1.151.266. Del totale, 1.089.332 sono stati i passeggeri dei traghetti, dato in sintonia con quello del 2018. Stabile nel 2019 il numero dei passeggeri per la Grecia (772.540) e per la Croazia (218.499). In crescita il numero delle persone che sono transitate sulla direttrice per l’Albania: i passeggeri sono stati 98.155 rispetto ai 90.832 del 2018, con un aumento del +8%.

Record di crescita per i passeggeri delle crociere nello scalo dorico. Nel 2019 sono stati 100.109 con un incremento del +49% sul 2018 quando erano 67.031. Un dato decisamente migliore rispetto alla media nazionale di traffico crocieristico dell’11,2% registrata dalla recente analisi sul 2019 di “Ship2Shore”.

Un mercato in continua crescita, quello delle crociere, nel mondo e in Italia dove l’aumento 2020 del traffico delle navi da crociera è stimato nel +2,8% secondo le previsioni dell’Italian Cruise Watch di “Risposte Turismo”.

Un’opportunità anche per Ancona, inserita sulla rotta del mare Adriatico delle più importanti compagnie di navigazione del settore, a cominciare da Msc Crociere che per il 2020 ha già confermato la sua presenza nello scalo. Una grande opportunità per lo sviluppo dell’economia e del turismo della città e di tutte le Marche che richiede un’infrastruttura adeguata all’attracco delle navi come il nuovo polo crocieristico da realizzare al molo Clementino.

 

PORTO DI PESARO

Cresce il numero totale dei passeggeri nel porto di Pesaro nel 2019. Sono state 12.561 le persone transitate nello scalo, con una crescita dell’8% sul numero dei passeggeri del 2018, che erano 11.631. Positivo l’andamento del traffico estivo per la Croazia, quando è attiva da aprile a settembre la linea passeggeri per raggiungere le spiagge croate di Lussino, isola di Rab e Novalja, con 11.660 passeggeri. Stabile il numero dei crocieristi (901 persone) che, a bordo delle navi Artemis e Arethusa della compagnia “Grand Circle Cruise Line”, hanno viaggiato sull’itinerario Venezia, Ravenna, Pesaro, Ortona, Termoli, Monopoli, Otranto e Roccella Ionica e che hanno potuto scoprire la bellezza del territorio pesarese, Urbino, San Marino e alle altre località di pregio anche naturalistico della provincia.

Sicurezza, crescita e sostenibilità, questo l’orizzonte su cui sta lavorando l’Autorità di sistema portuale in collaborazione con tutte le istituzioni di riferimento e gli operatori portuali. - ha dichiarato  Rodolfo Giampieri, presidente Autorità di sistema portuale del mare Adriatico centrale -  I dati sono molto positivi e confermano che i porti del sistema sono infrastrutture al servizio dell’economia. I numeri sono molto interessanti e in crescita, sia dal punto di vista delle merci sia dei passeggeri”.

Per il porto di Ancona, ha sottolineato Giampieri, “si è raggiunto il record assoluto di traffico delle merci nei container, con una crescita delle esportazioni del 13% e delle importazioni del 7%. Abbiamo la conferma dell’importanza di Ancona come porto passeggeri al centro dell’Adriatico e della Macroregione Adriatico Ionica, con quasi 1,2 milioni di passeggeri, e soprattutto del rilievo dello scalo a livello di crocieristi con una crescita del 49%, un forte segnale e un forte sostegno al turismo. Il nostro obiettivo 2020 è essere ancora più competitivi e sostenibili”.

Il mondo del lavoro portuale sta andando decisamente verso professionalità specializzate, con i porti che offrono sempre più occupazione di qualità. La totalità delle imprese portuali, sia ad Ancona sia ad Ortona, sta investendo sia sotto il profilo dei mezzi operativi sia nel campo degli organici e delle competenze professionali.  ha precisato   Matteo Paroli, segretario generale Autorità di sistema portuale del mare Adriatico centrale - Su questa linea, l’Autorità di sistema portuale sta approfondendo queste esigenze di specializzazione nell’ambito dello studio del Piano di fabbisogno dell’organico del porti di sistema che è in corso di costante evoluzione e che ha lo scopo di assistere e affiancare le aziende nel campo della formazione del personale. Questi sforzi e queste attenzioni hanno consentito al porto di Ancona di incrementare dell’11%, rispetto all’annualità precedente, il numero dei contenitori movimentati a fronte di una riduzione del -17% delle navi commerciali attraccate: navi più grandi hanno ovviamente richiesto manodopera specializzata e mezzi di sbarco idonei alle nuove caratteristiche dimensionali delle unità navali”.

L’attività svolta dalle Capitanerie di Porto Guardia Costiera nei porti dell’Autorità di sistema portuale dell’Adriatico centrale ha assicurato la sicurezza e la regolarità dei traffici marittimi.  - ha dichiarato il  Contrammiraglio Enrico Moretti, direttore Marittimo delle Marche e comandante del porto di Ancona - Nel 2019 molto intensa è stata l‘attività del Corpo riferita agli aspetti di sicurezza portuale, alcuni dei quali sono stati assicurati anche mediante l’emanazione di specifiche ordinanze, fra tutte piace ricordare quella che istituisce nuovi schemi di separazione del traffico navale in entrata/uscita dal porto dorico”.

Fra gli interventi, ha aggiunto il Contrammiraglio Moretti, “piace evidenziare l’attività di controllo sul rispetto della normativa in materia di emissioni in atmosfera da parte delle navi ormeggiate in porto, e ciò sia per verificare il rispetto della normativa vigente sia, da parte delle compagnie di navigazione che lo avevano sottoscritto, dell’accordo volontario denominato Ancona Blu Agreement. In conclusione, nel 2019 sono stati   raggiunti risultati lusinghieri, per i quali ringrazio sia tutti i colleghi dei porti ricompresi nell’Autorità di sistema portuale del medio Adriatico sia i servizi tecnico nautici che in operano in questi porti”.

I dati molto lusinghieri confermano, per Ancona, il ruolo di porto gateway per l’economia delle Marche e delle province limitrofe. Abbiamo sempre parlato, in questi tempi, dello sviluppo della cantieristica e adesso cogliamo gli ottimi risultati nei traffici mercantili e commerciali.

- ha precisato Ida Simonella, assessore al Porto del Comune di Ancona - Un pezzo di porto garantisce sviluppo delle attività degli operatori e introiti aggiuntivi per l’Autorità di sistema portuale. Il traffico container segna anche un risultato storico che ci avvicina moltissimo ai dati di Ravenna, per anni leader indiscusso dei traffici nel medio Adriatico. La forte ripresa del traffico dei traghetti ci racconta qual è la vera specializzazione internazionale dello scalo, la cifra di un porto di valenza europea, che collega la Ue con i Balcani e l’Oriente e che certifica Ancona come porto Core, snodo delle infrastrutture continentali”.

 

 

 

 

Documenti (1)

Contatti

redazione@ortonanotizie.net
mob. 333.6506972
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK