Partecipa a Ortona Notizie

Sei già registrato?

Accedi con e-mail e password

RIPULITA E TIRATA A LUCIDO LA FONTANA PETICCIO, LAVORO ACCURATO DEI VOLONTARI.

LA STORIA SIAMO NOI. I CAVALLI DI ANNIBALE SI DISSETARONO AL PETICCIO.

Tommaso Tucci
29/08/2016
Attualità
Condividi su:
Tommaso Tucci

 

La storica FONTANA PETICCIO O DI ANNIBALE torna visibile all'occhio degli ortonesi, che amano conoscere la storia della propria città.

Una bella iniziativa organizzata dall'amministratore dell'Associazione " Salviamo la spiaggia della RITORNA " Sandro Ferrante. Alcuni volenterosi si sono rimboccate le maniche e muniti di alcuni attrezzi, hanno ripulito sia il sentiero, che la FONTANA DEL PETICCIO.

Queste sono le persone che dobbiamo ringraziare per la loro opera di bonifica e ripulitura della Fontana: ANTONIO MARCUCCI, SANDRO FERRANTE, PINA NESTORE, BIAGIO CATENA, NICOLA FINIZIO, DANIELA MOSCA, MARIA DI DEO, ALESSANDRO CARACENI E PAOLA VENTUROLI.

All'unanimità, i volontari chiedono pubblicamente all'Amministrazione Comunale l'installazione di un segnale, che indica il sentiero per la Fontana del Peticcio.

La FONTE DI ANNIBALE fu restaurata due volte: nel 1823 e nel 1985. Ironia della sorte, all'ingresso del sentiero, è installata un tabellone di grandi dimensioni denominato " COSTA DEI TRABOCCHI DELL'ADRIATICO ", in cui non è menzionato il nome della FONTE PETICCIO. Soldi della Comunità bruciati, senza alcuna motivazione logica.

LA STORIA SIAMO O NON SIAMO NOI.

Nel 200 a.c, il generale Annibale, si fermò per alcuni giorni ad Ortona, prima che iniziasse la battaglia di NOLA, portò i suoi cavalli a dissetarsi nella Fontana Peticcio. Poi fece un'altra sosta in Contrada Colombo, dove tuttora è visibile la famosa PIETRA DI ANNIBALE, ora immersa all'interno di un capanneto..

Agli inizi del 1900 era considerata il mercato all'aperto, dove i contadini barattavano la merce dell'orto con il pescato dei marinai. Prima che venisse costruita la statale adriatica, la vallata del Peticcio era attraversata da un tratturo armenentizio, molto trafficato all'epoca, da carretti, trainati dagli animali.

Ora, sembra diventato un peso e nessuno vuole riabilitarlo alla sua funzione STORICA.

L'UNICA STRADA PERCORRIBILE, SEMBRA ESSERE QUELLA DI AFFIDARLA ALLA CUSTODIA DI UNA ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO.

 

 

 

 

Condividi su:
Tommaso Tucci

Seguici su Facebook