Partecipa a Ortona Notizie

Sei già registrato?

Accedi con e-mail e password

CONTRADA SAN PIETRO IN FESTA IL 29 GIUGNO. LE TRADIZIONI RELIGIOSE SCOLPITE NEL TEMPO.

LA FESTIVITA' DELLA PICCOLA FRAZIONE ERA META DEL PELLEGRINAGGIO CITTADINO.

Condividi su:
Tucci Tommaso

Proseguono i preparativi per organizzare la Festa dell'Apostolo Pietro, nella piccola frazione ortonese, situata a circa 4 chilometri dal centro cittadino.

Fino agli anni 60/70, il 29 giugno, gli abitanti di Ortona si recavano a piedi per venerare il Santo in processione e gustarsi all'aria della campagna in allegria il resto della Festa.

Era una occasione per conversare con i contadini del luogo, molto conosciuti in città, in quanto portavano sui banchi del mercato coperto i buoni prodotti della propria terra.

In quell'epoca, l'agricoltura era fiorente, sopratutto per la produzione dell'uva da tavola, esportata in tutta Europa.

Alcuni grappoli premiati alla Mostra dell'Uva "Città di Ortona" pesavano anche 4 chili. Il Pergolone era considerato uva pregiatissima, dal sapore unico dolciastro e molto gradevole.

La Contrada di San Pietro confezionava le sue uve pregiate in 2 Cooperative di alto livello, unitamente ai commercianti, provenienti da Napoli, Roma, Ancona, Forlì e Firenze.

Erano i tempi in cui si lavorava la terra con molta allegria e spensieratezza. Le donne, che confezionavano l'uva nelle cassette cantavano le canzoni ortonesi e tornavano la sera a casa con 2 grappoli d'uva.

I ricordi fanno parte della tradizione storica-culturale del territorio ortonese.

La bella Chiesetta è stata edificata nel 1928 ed ha subito, durante il conflitto mondiale, molti danni alla struttura, successivamente è stata restaurata attraverso la questua dei suoi abitanti. 

Il programma della Festa stilata dalla Presidentessa Vittoria D'Angelantonio prevede, il giorno della Festa  alle ore 10,30 la Santa Messa Solenne presieduta dal Vescovo Emidio Cipollone.

Poi, alle 19,30, la processione della Statua di San Pietro, sarà accompagnata dai fedeli e dalla "Banda Città di Atessa".

Alle 21, l'esibizione dell'Orchestra Spettacolo " Alfonso Cocciaglia Live Band ":

Alle 23,30 la Pirotecnica Ortonese con i fuochi d'artificio chiuderà la Festività.

LE TRADIZIONI DEVONO RIMANERE INTEGRE PERCHE' FANNO PARTE DELLA STORIA ANTICA E RECENTE DELLA CITTA' DI ORTONA. UN PLAUSO AL COMITATO ORGANIZZATORE.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Condividi su:
Tucci Tommaso

Seguici su Facebook