Partecipa a Ortona Notizie

Sei già registrato?

Accedi con e-mail e password

I TESORI NASCOSTI DI ORTONA. LA FONTE A MARE POCO CONOSCIUTA, MA SEMPRE IN BELLA VISTA.

LA NOSTRA STORIA RIAFFIORA. IL LAVATOIO DELLE DONNE QUARTIERE TERRAVECCHIA.

Condividi su:
Tucci Tommaso

La storia della città di Ortona è ricca di tradizioni millenarie, meritevoli di essere tramandate alle nuove generazioni.

Le Fontane erano considerate luogo di incontro essenziale per le donne, mentre erano indaffarate nei rispettivi lavatoi, al lavaggio manuale dei panni.

Fino alla fine degli anni 60, le abitazioni non avevano nel proprio interno, il servizio idrico e pertanto l'acqua si attingeva con le "conche" nelle fontane pubbliche, ubicate nel centro cittadino.

Il problema sorgeva quando si doveva provvedere al cambio delle lenzuola, vista la piccola quantità di acqua, che sgorgava dalle fontane.

Armate di buona volontà, le nostre mamme, nonne e bisnonne, si recavano con i canestri colmi di panni sporchi, alla Fonte a Mare.

L'antico lavatoio, sito tra Ortona centro ed il porto, si raggiunge con un percorso di circa dieci minuti, attraversando il sentiero, che parte al di sotto della Passeggiata Orientale.

E' possibile, per chi vuole visitarlo, raggiungerlo anche dalla strada comunale zona porto, precisamente all'altezza degli scavi, che stanno effettuando le Ferrovie dello Stato.

Una volta parcheggiata l'autovettura ai bordi del cantiere, rimane da salire soltanto ventotto scale, tra l'altro, in buona conservazione.

La Fonte a Mare è stata restaurata  nel 2008 con fondi  comunali,

Ora si presenta in buone condizioni e perfettamente funzionante, presenta soltanto una perdida d'acqua nel tubo di scarico, facile da risistemare con l'intervento dell'idraulico.

La Fontana è composta da due vasche comunicanti tra loro, dove l'acqua della sorgente scorre in continuazione, ma oramai, completamente inutilizzata.

Ha anche una bella copertura in legno, a protezione dell'intera struttura, utile anche per ripararsi dal sole e dalla eventuale pioggia.

Anni fà l'Associazione Vecchi Maggiaiuoli organizzò, nei pressi della Fontana a Mare, alcune rappresentazioni canore della musica popolare ortonese.

Il sentiero, che conduce alla Fontana, è stata completamente ripulita dalle erbacce e messa in condizioni percorribili, dai Giovani Ortonesi ZOO ART.

Gli artisti si prendono cura, con molto impegno nel loro tempo libero, dei giardinetti sottostanti la Passeggiata Orientale e le Gabbie, dove molti anni fa c'erano gli animali, ora trasformati in luogo di cultura dai ragazzi dello ZOO ART.

La FONTE A MARE POTREBBE DIVENTARE UN LUOGO DELLA MEMORIA, MAGARI PER RACCONTARE AI RAGAZZINI ,LA STORIA E LA VITA  DEI LORO ANTENATI.

Lasciarla abbandonata a se stessa è uno schiaffo doloso al nostro passato.

LA STORIA SIAMO NOI.

 

Condividi su:
Tucci Tommaso

Seguici su Facebook