Partecipa a Ortona Notizie

Sei già registrato?

Accedi con e-mail e password

NICOLA GRANATA : LE MANI DI CARTAPESTA

Lo scultore ortonese ha presentato un'suo lavoro legato all'opera di misericordia corporale " visitare i carcerati"

Vito Giovannelli
01/06/2016
Attualità
Condividi su:
Vito Giovannelli

Maria Teresa Colangelo ha organizzato nella "Biblioteca Diocesana" di Ortona una mostra dal titolo "il sacro nell' arte'".

La manifestazione artistica è legata al "Giubileo della Misericordia".

Tra i vari espositori è presente alla rassegna lo scultore ortonese Nicola Granata, il quale ha presentato un'opera legata  

all'opera di misericordia corporale " visitare i carcerati".

Al di là dell'impianto, che si presenta come una vera installazione, emergono, dietro le sbarre, solo due rugose mani realizzate in cartapesta. Mani" inaridite dalla segregazione".

Dopo le maschere, modellate in cartapesta, da Giancamillo Rossi a Pescara, in via Genova, dopo il ritratto di D'Annunzio modellato da Roberto Caprile, allievo di Giancamillo, ora si impongono le mani, modellate in cartapesta, da Nicola Granata. In realtà Nicola Granata non è nuovo alla lavorazione della cartapesta.

In passato, infatti, aveva realizzato in cartapesta il Bue di San Zopito. Forse, l'Abruzzo ha oggi un'artista di questa lavorazione, settore, a mio avviso, mancante nelle svariate lavorazioni artigianali locali. Insomma, cercavo un artigiano, di questo meraviglioso settore, ed ho trovato, invece, un provetto scultore.

Condividi su:
Vito Giovannelli

Seguici su Facebook