Partecipa a Ortona Notizie

Sei già registrato?

Accedi con e-mail e password

La sicurezza del lavoro nei vigneti, la normativa cozza con la realtà

La sicurezza è importate, la legislazione ha imposto varie novità , ma qualcosa non và per gli agricoltori, e chiedono di tener conto delle particolarità della coltivazioni presenti nel nostro territorio

Condividi su:

Venerdì  24 luglio,   nell’auditorium comunale di Tollo, in via Arroccamento,  la Coldiretti ha organizzato un interessante incontro per affrontare  due temi che interessano gli agricoltori:


le novità normative connesse alla sicurezza nel lavoro dei campi,  e le nuove opportunità offerte dal piano di sviluppo rurale.

Ora ci soffermiamo sulle tematiche della sicurezza , successivamente  approfondiremo le opportunità del psr.

Il convegno  è stato aperto dal Presidente della Federazione Provinciale Coldiretti Sandro Polidoro sottollineando l'importanza dei temi affrontati .

Luca Di Giandomenico dell’ufficio tecnico di Coldiretti Abruzzo  ha fatto il punto della normati va in vigore.

La legge impone, tra l'altro,  agli agricoltori di montare sui trattori la  barra di protezione che protegge indubbiamente il guidatore , in caso di rovesciamento del trattore , ma che non è sicuramente utilizzabile nel vigneto a tendone, tipico delle nostre zone.

Per il semplice fatto che il vigneto a tendone ha un'altezza inferiore ai due metri, mentre un trattore con la barra alzata è abbondantemente piu alto di due metri, quindi per lavorare   occorre necessariamente tenerla abbassata.

Gli agricoltori concordano nell'importanza di avere la barra e di tenerla alzata sui trattori che si utilizzano sulle strade e nelle coltivazioni non a tendone , però non accettano di dover spendere i soldi anche per quei trattori che vengono utilizzati esclusivamente nei vigneti a tendone.

Molte aziende hanno ormai  più  mezzi,  e tra questi ci sono i cingolati che vengono utilizzati esclusivamente nei vigneti coltivati a tendone.
 

Perchè  spendere soldi per mettere queste barre su questi mezzi quando tutti sanno che non saranno mai utilizzati su questi trattori ?

La crisi c'è anche nel settore dell'agricoltura e gli agricoltori non vogliono sperperare soldi, fondi che possono essere più  utilmente utilizzati in altro modo.

Il direttore del Servizio di prevenzione degli ambienti di lavoro della asl Lanciano Vasto Chieti dott Domenico Cocomazzi  ha fatto presente che,  dopo anni di informazione, ora, per porre un argine agli infortuni sul lavoro , e quindi anche in agricoltura, si stà avviando una inevitabile fase ispettiva,  per verificare l'applicazione delle norme e controllare se i trattori sono a norma.

Il  Sindaco di Tollo,  Angelo Radica , ha sottolineato come sono importanti sia i problemi della sicurezza che quelli  economici delle aziende agricole.

Il Presidente della sezione Coldiretti di Tollo Giuliano Teatino Ari , Antonio Petrongolo  , ha sottolineato l'importanza di trovare una soluzione ed ha i politici per risolvere il problema.

Il Consigliere della Coldiretti di Tollo, Tonino Salemme, ha posto il problema pratico ed economico che la sua azienda deve affrontare nella sua azienda per rispettare la normativa .

Tutti  aspettano una soluzione di buon senso , e l'assessore regionale alla programmazione economica e alla programmazione sanitaria Silvio Paolucci  a conclusione dei lavori ha assicurato un tavolo per affrontare il problema e trovare una soluzione.

In attesa che arrivi la soluzione , si propongo i video con le considerazioni sul tema che hanno rilasciato:

Sandro Polidoro , Luca Di Giandomenico,  Domenico Cocomazzi , Angelo Radica ,  Antonio Petrongolo ,  Tonino Salemme e Silvio Paolucci

 

,
,




 

Condividi su:

Seguici su Facebook