Partecipa a Ortona Notizie

Sei già registrato?

Accedi con e-mail e password

David Catoni e la sindrome di Asperger: tra difficoltà e coraggio

Alla scoperta del suo mondo attraverso le sue parole

Condividi su:

Questa è la storia di David Catoni, un ragazzo affetto da sindrome di Asperger, ortonese di 22 anni

La patologia lo porta ad avere difficoltà nelle interazioni sociali, un raggio ristretto di interessi ed una elevata vulnerabilità emotiva

In una piccola intervista, David ci racconta che la principale difficoltà che incontra nella vita è quella della non condivisione di spazi ludici con i suoi coetanei ma, al contempo, si ritiene molto fortunato del fatto che può contare sulla presenza e sull’appoggio di sua madre Paola Micucci, una donna coraggiosa sempre pronta a lottare sia per il benessere del figlio che di quanti siano affetti dalla stessa sindrome. 

Abbiamo chiesto a David e sua madre Paola come trascorrono la loro "giornata-tipo"

David: «Mi alzo tardi se non ho impegni, colazione, doccia e poi vado al PC fino all’ora di pranzo, guardo film, cartoni animati oppure gioco alla playstation. Il pomeriggio esco per fare una passeggiata e ascolto la musica oppure, se c’è in programma ‘’Christian tra la Ci e la Erre’’, l’opera teatrale di Antonio Tucci sulla sindrome di Asperger di cui ne sono il protagonista, vado a fare le prove. Attualmente, il pomeriggio, mi reco presso l’Oratorio Salesiano Don Bosco per fare l’animatore, invece mia madre -continua- passa molte ore al PC per via del volontariato sulla sindrome di Asperger e il resto della giornata è sempre in giro per l’Associazione ‘’AspieDavid Abruzzo Onlus’’, di cui ne sono il Presidente, o per pagare le bollette, fare la spesa e quanto altro. Praticamente -conclude Davidmia madre non ha del tempo libero da dedicare a qualche distrazione». 

Grazie all'assessorato alle politiche sociali, all'ente di ambito sociale e al Teatro del Krak, David ha ricevuto una borsa lavoro per la quale è impegnato almeno due ore al giorno. Per concludere, la madre Paola si augura che David sia sempre se stesso, conservi i valori della vita e che possa raggiungere tutti gli obiettivi di autonomia e di progettualità che sta cercando di perseguire.

Condividi su:

Seguici su Facebook