Rimani sempre aggiornato sulle notizie di ortonanotizie.net
Diventa nostro Fan su Facebook!
Spazio Aperto è uno spazio offerto alla città, alle associazioni, agli enti, a quanti intendono partecipare alla vita sociale e culturale del territorio. Scopri di più.

UN PAREGGIO CHE NON SODDISFA MA CHE COMUNQUE MUOVE LA CLASSIFICA

QUALCHE EPISODIO NON CI HA ARRISO E IL RISULTATO DI 0-0 È APPARECCHIATO

| di Amerigo Gizzi
| Categoria: Sport | Articolo pubblicato in Spazio Aperto
STAMPA

Gli auspici erano per una vittoria ma il risultato di parità comunque fa muovere la classifica e da’ la speranza di risolvere al più presto questo periodo delicato attraversato dalla squadra Gialloverde.

La classifica non ci arride ed anzi è nettamente al di sotto di quello che alla vigilia si poteva immaginare ma anche i piccoli passi servono o possono servire a dare il tempo necessario per superare col minor danno possibile questa penuria di risultati.

L’ambiente non è affatto sereno e anche la prestazione odierna non aiuta ma come dicevo prima comunque ci permette di provare ancora a serrare le fila e magari tornare a sorridere già da domenica prossima che ci vede avversari al comunale di Ortona della vice capolista Villa 2015.

Dare giudizi è sempre difficile ma dopo ben 12 gare è doveroso fare un bilancio di quanto espresso e realizzato fino ad ora. 

Quando si fa un punto bisogna sempre partire dalle aspettative che i dirigenti e l’organico allestito facevano supporre all’inizio di campionato ed in base a questo modulare la soddisfazione o meno della situazione attuale. 

Analizzando e tenendo conto di quanto sopra e vedendo la consistenza effettiva dei calciatori a disposizione il bottino acquisito non è soddisfacente ma basterebbero un paio di vittorie consecutive per riportare il sereno e l’entusiasmo che onestamente attualmente si è perso completamente.

Su 12 gare 5 l’abbiamo vinte, 5 perse e due pareggiate per un totale di 17 punti e se si analizza la classifica generale ci accorgiamo che ci troviamo a 3 punti dalla zona play off e a 5 da quella play out , quindi nulla è compremesso ma serve una sterzata violenta per risollevare la situazione che può apparire precaria ma non compromessa anzi  tutt’altro.

La preoccupazione però è che una squadra che annovera fra le sue fila calciatori di una certa importanza e magari anche costosi non raggiungendo al più presto i risultati sperati possa ulteriormente disunirsi e magari peggiorare anziché migliorare , ritengo che questo sia il rischio peggiore e che bisogna assolutamente evitare .

Parliamoci chiaro , dopo la sonora batosta rimediata al comunale di Silvi ci si attendeva una squadra che mirasse ad un pronto riscatto sia nel risultato che nel gioco ma tutti e due gli obbiettivi sono stati mancati anche se bisogna sottolineare a chiare lettere che almeno due episodi ci sono stati assolutamente sfavorevoli , uno nel primo tempo quando l’arbitro non ci ha concesso un rigore plateale per atterramento di Dragani ed uno nel secondo tempo quando il palo ha respinto un tiro a colpo sicuro della nostra ala sx Veri. 

La gara non è stata bella , i gialloverdi si sono impegnati per superare la Val Di Sangro ma onestamente al di la dei due episodi sopra citati non si è mai avuta l’impressione di mettere sotto l’avversario e la sensazione era che si poteva vincere solo per qualche genialata di un nostro giocatore e non per il gioco sviluppato che è stato sempre asfittico e privo di sbocchi . 

Il nostro centrocampo è sempre stato in inferiorità numerica e quindi le trame imbastite sono apparse casuali e mai con un nesso davvero logico.

La zona nevralgica del campo , come ben sappiamo , è il cuore del gioco e della supremazia territoriale e quella nostra era , e lo è stata per tutta la gara , deficitaria in quanto Avvantaggiato era in evidente stato fisico precario , Dragani era un attaccante aggiunto ed il solo Miocchi a tirare la carretta .

Comunque queste  cose dovrebbero essere di pertinenza dell’allenatore e per evitare che possa dirci che il solo a capire di pallone sia lui e questo è vero o dovrebbe esserlo in quanto è pagato per questo motivo , noi ci limitiamo in tutta umiltà a constatare che il gioco latita e non da oggi , quindi o i calciatori  non sono all’altezza , e questo secondo il mio parere lo escluderei , o c’e qualche  altro motivo che a noi sfugge ma che dovrebbe essere ben conosciuto da chi vi è preposto.

Pur non essendo esperto di calcio , come qualcuno pensa , continuo ad avere la massima fiducia in questi giocatori che per me hanno enormi potenzialita’ inespresse fino ad ora ma che comunque ci sono e che non aspettano altro che essere sprigionate ma per esserle appieno bisogna anche amalgamarli come squadra e non apprezzarli solo singolarmente ma come collettivo. 

Questo secondo me è quello che fin’ora è mancato,  e l’unica reazione possibile di chi a torto o a ragione si sente sotto la lente è far esprimere alla squadra di cui è timoniere un gioco che produca risultati , quelli ad oggi ottenuti, secondo me , sono molto al di sotto delle potenzialità.

Formazione :

1- Garibaldi v. 6 , poco impegnato ma commette qualche sbavatura

2- Mazzarelli v. 6,5 non corre rischi , fa il suo.

3- Barbetta v. 6,5 , bel fisico, combatte e limita di molto il suo avversario.

4- Granata v. 7,25 , spirito indomito, mai per vinto in qualsiasi occasione, Anima e cuore, bravo il capitano, un esempio

5- Miocchi v. 7 ,  si è battuto con coraggio ed abnegazione , ha fatto quello che poteva , lasciato solo in mezzo al campo.

6- Grossi v.7,25 , senza sbavature, svetta sempre sulle palle alte e non lascia spazio alcuno all’avversario.

7- Bernabeo , v. 6,25 , al di sotto del suo standard , non riesce mai a sprigionare le sue leve e la sua proverbiale forza fisica.

8- Avvantaggiato- v. 6 , in evidente carenza fisica, non riusciva a calciare e a correre come al solito, forse con qualche risentimento muscolare, fatto è che il suo apporto è stato insufficiente e credo che un avvicendamento in corso d’opera poteva essere preso in considerazione.

9- Pompilio v. 6,25 , è un vero centravanti ma ha bisogno di rifornimenti adeguati per mettere a frutto la sua capacità realizzativa.

10- Dragani v. 6,25 , nettamente al di sotto delle sue prestazioni solite, solo uno spunto che poteva essere un rigore ma onestamente troppo poco.

11- Veri , v. 6,25 , ha corso davvero per tutto l’incontro ma è stato quasi sempre fermato nelle sue scorribande e si è reso pericoloso solo sul finire con un bel tiro che però il palo respingeva.

Arbitro interregionale sez di Matera : v . 6,5/ il rigore negato ai gialloverdi era evidente e lui era ben piazzato , non ci sono scusanti. Per il resto nulla da segnalare.

Amerigo Gizzi  

 

Amerigo Gizzi

Contatti

redazione@ortonanotizie.net
mob. 333.6506972
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK