Rimani sempre aggiornato sulle notizie di ortonanotizie.net
Diventa nostro Fan su Facebook!
Spazio Aperto è uno spazio offerto alla città, alle associazioni, agli enti, a quanti intendono partecipare alla vita sociale e culturale del territorio. Scopri di più.

LA ORTONA ORTICELLO DI CASA CASTIGLIONE

UNA COMUNITA' DI CITTADINI CHE DEVE STARE ALLE SUE DIPENDENZE E ALLE SUE MEDIOCRI VOLONTA'

| di POLIDORI PEPPINO
| Categoria: Politica | Articolo pubblicato in Spazio Aperto
STAMPA

La Ortona orticello di casa Castiglione.

Può una città essere ridotta ad orticello del sindaco e dei suoi consiglieri e amici di giunta? Per Castiglione Ortona è questa: una comunità di cittadini che deve stare alle sue dipendenze e alle sue mediocri volontà. Non c’è altra spiegazione per la decisione presa dalla maggioranza in Consiglio comunale di ridurre i rilievi e le osservazioni delle opposizioni a pochi minuti.

A nulla sono valse le critiche motivatissime dei consiglieri durante un Consiglio comunale fiume per bloccare una decisione che per le opposizioni - tutte unite - viola norme, leggi e anche e, soprattutto, la trasparenza delle decisioni prese dal sindaco e dai suoi assessori.

L’arroganza amministrativa di Castiglione si è spinta oltre i limiti consentiti, confidando nella disattenzione dei cittadini pensando di poter fare il comodo suo con le istituzioni. Ma così non è, e non può essere: siamo tutti soggetti alle norme, lui per prima. Non può chiedere ai suoi cittadini il rispetto di leggi che disattende.

In Aula durante i numerosi interventi delle opposizioni per farlo desistere dalla sua sciocca decisione è stato ricordato al sindaco che la città non vive di propaganda fine a se stessa.

Castiglione - è bene ricordarglielo - è giunto su una soglia critica arrivando tra l’altro a violare il diritto del consigliere Angelo Di Nardo - e con lui di tutti i cittadini - che non può e non possono accedere nell’aula consiliare per l’esistenza della barriere architettoniche. Un danno alla credibilità delle istituzioni e ai principi di uguaglianza.
Castiglione, inoltre, poteva ascoltate e trovare una intesa in 19 ore di Consiglio - costringendo i dipendenti a superare il limite massimo di durata del l’orario di lavoro in violazione della legge (art.7, D.Lgs 66/2003) e con sanzioni a carico del Comune - ma non ha voluto raccogliere nessuna proposta delle opposizione.

Questo suo diniego è segno di una mala amministrazione che ora prende le sembianze autoritarie di chi non capendoci nulla vuole mostrare i muscoli.

Castiglione, la sua giunta e i suoi consiglieri siamo coscienti delle mosse che fanno. Rischiano loro e soprattutto in questa arroganza da principianti di creare altri dolorosi danni alla città.

Peppino Polidori   cs
#Ortona #ConsiglioComunale #Regolamento #ArroganzaAmministrativa#Legalità

L'immagine può contenere: una o più persone, persone sedute, tabella e spazio al chiuso

POLIDORI PEPPINO

Contatti

redazione@ortonanotizie.net
mob. 333.6506972
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK