Rimani sempre aggiornato sulle notizie di ortonanotizie.net
Diventa nostro Fan su Facebook!

Il ricordo di Pantaleone Rapino

La città di Ortona ha reso omaggio al valore e il sacrificio dell'ufficiale ortonese

| Categoria: Attualità
STAMPA

Fotogallery: clicca sulle immagini per ingrandirle

printpreview

A 100 anni dalla morte sul Monte Grappa del capitano Pantaleone Rapino, la città di Ortona ha reso omaggio al valore e il sacrificio dell'ufficiale ortonese insignito di medaglia d'oro al valore militare. La manifestazione si è svolta nella mattinata di venerdì 15 giugno, ricorrenza dei 100 anni dalla scomparsa in battaglia del Capitano Rapino, morto durante i combattimenti per difendere la postazione del fronte italiano durante la Prima guerra mondiale in località Porte di Salton sul Monte Grappa.

La cerimonia si è articolata in più momenti ed è stata preceduta da un breve omaggio al monumento lungo l'Orientale che ricorda la casa natale del Capitano Rapino.

Preceduto dalla Banda Città di Ortona

il corteo con le autorità civili e militari, i rappresentanti delle associazioni d'arma e di volontariato

 

e i familiari

del decorato ortonese ha poi reso gli onori con la deposizione di una corona al monumento dedicato ai caduti militari a Porta Caldari.

A pochi passi dalla piazza si è quindi proceduto al ricollocamento di una targa stradale per indicare la via del centro urbano intitolata al Capitano Rapino.

La seconda parte della manifestazione si è svolta a Palazzo Farnese con un convegno

con gli interventi del generale Leonardo Prizzi

che ha parlato del contributo dell'Abruzzo nella Prima guerra mondiale e di Lelio Del Re

e Antonio Orlandi

che si sono soffermati sulla figura di Pantaleone Rapino e degli altri caduti ortonesi raccontato dagli stessi in un volume fresco di stampa della casa editrice Menabò su "Ortona e i suoi figli nella Grande Guerra".

 

Al termine del convegno moderato dal direttore della biblioteca di Ortona Tito Vezio Viola,

è stata inaugurata dal sindaco Castiglione e dal tenente colonnello dell'Esercito Antonio Minutella,

al secondo piano del Palazzo Farnese, la mostra allestita dal Comando Militare Esercito Abruzzo.

Un'iniziativa storico-culturale voluta dell'ufficio storico dello Stato Maggiore dell'Esercito per raccontare e far rivivere i volti e i luoghi della tragedia, che 100 anni fa cambiò la quotidianità di 5 milioni di italiani chiamati alle armi e di una intera nazione. La mostra è arricchita da cimeli relativi alla Grande Guerra del MuBa e da alcuni oggetti appartenuti al Capitano Rapino, in particolare la sciabola e alcune lettere. Inoltre su gentile concessione della famiglia Berardi è esposta la medaglia d'argento conferita al tenente di complemento Guido Berardi nel settembre 1918.

«Nelle settimane successive alla morte del capitano Rapino – dichiara il sindaco Castiglione – il suo comandante, generale Franchi, ricordando al sindaco di Ortona le qualità militari e umane del nostro concittadino chiudeva con una esortazione "la sua memoria deve essere di orgoglio alla città natale". Oggi la sua città adempie con orgoglio alla sua memoria e si stringe con un abbraccio ai suoi familiari pensando al Capitano che riposa insieme ai suoi uomini caduti con lui e sepolti al sacrario di Bassano del Grappa».

c.s.

 

 

 

 

( a breve saranno abbinati i video ai vari momenti della giornata )

Contatti

redazione@ortonanotizie.net
mob. 333.6506972
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK